Hai voglia di relax, di vacanza e di dolce far niente? Di viaggiare, di fare nuovi incontri, di assaporare culture ed abitudini diverse?

Questa è la ricetta che fa al caso tuo!
Una gustosissima paella in versione aproteica: un piatto semplice ma al tempo stesso ricco di sapore che, almeno per il tempo di una cena, ti farà sentire in Spagna!

La paella

La paella è un piatto unico spagnolo che puoi assaggiare in moltissime varianti, tutte molto ricche e gustose.
La versione che preferisco è quella valenciana, la cui ricetta originale prevede l’utilizzo di carne (pollo e coniglio), molluschi (seppie, cozze, calamari), crostacei (gamberi) e verdure come fagiolini, peperoni, piselli.

paella di pesce in teglia
Paella di pesce

Insomma, un piatto ricchissimo a base di riso e… di proteine haimè!
Considera che persino una versione vegetariana e/o vegana della paella non potrebbe soddisfare le specifiche esigenze nutritive di chi deve seguire una rigida dieta aproteica.
Alcune verdure, infatti, sono altamente aproteiche: lo sapevi?

Ecco perché, pur non volendo rinunciare al sapore, mi sono messa ai fornelli per trovare una variante che fosse davvero apro e, al tempo stesso, gustosa per tutta la famiglia.
Il risultato? Buo-nis-si-ma!

Ingredienti per 6 persone

450 gr riso aproteico (che puoi acquistare in farmacia)
200 gr passata di pomodoro
3 zucchine
200 gr funghi champignon
3 peperoni
250 gr asparagi
2 carote
4 carciofi
100gr olive nere
1 cipolla
2 spicchio d’aglio
1 bustina di zafferano
Prezzemolo
Paprika
Sale e olio evo q.b.
Brodo vegetale 1lt

Prepara le verdure

Per prima cosa, devi pulire, lavare ed affettare le verdure. Nel caso in cui tu preferisca utilizzare prodotti surgelati, ovviamente dovrai solo limitarti a tagliarle.

Inizia lavando tutte le verdure.
Togli le estremità delle zucchine e tagliale a spicchi.
Pela i funghi e tagliali a fettine.
Taglia i peperoni a metà, togli i semi e la parte bianca al loro interno, quindi tagliali a striscioline sottili.
Taglia la parte più dura degli asparagi e, se molto lunghi, tagliali a metà.
Pela le carote e tagliale a rondelle.
Elimina le foglie esterne, le punte, la barbetta interna dei carciofi e, infine, tagliali a spicchi.
Spella la cipolla e tritala grossolanamente.
Sbuccia l’aglio lasciandolo intero.
Togli il gambo dal prezzemolo e sminuzzalo finemente.
Prepara il brodo vegetale e tienilo in caldo. Se preferisci puoi usare anche quello già pronto.
Sciogli lo zafferano in una tazzina di brodo e lascialo da parte.

Paella di carne in teglia
Paella di carne

La cottura

Se non hai la paellera, prendi una padella molto capiente, metti dell’olio e fai soffriggere la cipolla e l’aglio.

Unisci un mestolo di brodo vegetale, porta a bollitura e, dopo aver tolto l’aglio, aggiungi le carote, facendole cuocere a fuoco medio per 10 minuti circa, aggiungendo brodo vegetale se di dovessero asciugare troppo.

Unisci poi i peperoni e le zucchine assieme ad un mestolo di brodo, cuocendo per altri 10 minuti.

Aggiungi gli asparagi e, quando saranno diventati morbidi, versa i carciofi ed i funghi. Aggiungi un pizzico di sale e cuoci per altri 8 minuti.

 Abbi cura di aggiungere un mestolo di brodo ogni qualvolta le verdure tenderanno ad asciugarsi, mescolando di tanto in tanto delicatamente, di modo da non rompere le verdure.
Mi raccomando: le verdure debbono essere morbide ma non troppo appassite.

teglia di paella vegetariana
Paella vegetariana

Aggiungi la passata di pomodoro e aspetta che torni a bollitura.

Unisci il riso, tostalo per un minuto mescolando di continuo, quindi unisci 5-6 mestoli di brodo, lo zafferano e la paprika.
Cuoci il riso per il tempo di cottura indicato sulla confezione, unendo il brodo man mano che viene assorbito e mescolando di tanto in tanto, senza lasciare che il composto si asciughi troppo.

A fine cottura unisci le olive, mescola, dai una spolverata con il prezzemolo e lasciala riposare per 5 minuti coperta e servire!

Sai qual è il segreto per un’ottima paella? La cottura lunga per amalgamare i gusti e la qualità delle materie prime.
Non ti resta che provarla e… buon appetito!

Condividi: